"E non mi si dica che se la vittoria è certa la lotta è superflua: perchè, in primo luogo, la lotta può ritardare la catastrofe, ed in secondo luogo essa è un dovere, e non una semplice teoria per coloro che, come noi, si vantano di essere cattolici.
Ringraziamo Dio di averci concesso la battaglia, e non invochiamo, oltre questa grazia, anche quella del trionfo a Colui che, nella sua bontà infinita, riserva a chi ben combatte per la sua causa una ricompensa maggiore della vittoria.
In quanto alla maniera di combattere, ne trovo una sola che possa dare oggi risultati vantaggiosi; la lotta per mezzo della stampa periodica.
Oggi e' necessario che la verità percuota i timpani, e che vi risuoni con monotonia, di continuo, se vogliamo che la sua eco giunga sino al recondito santuario dove le anime giacciono debilitate ed addormentate".
(Juan Donoso Cortès)

 

 

18 aprile 1948: il senso di una vittoria anticomunista:
di Giuseppe Bonvegna  

 Alcune riflessioni tra reale e virtuale… 
di Laura Salvetti

 La Lega e i cattolici 
di Benedetto Tusa

 Dall'inferno alla fede: un viaggio da Cuba a Cristo 
di Giuseppe Bonvegna